Standard

L’empatia nel digitale

29/10/2021 • By

L’empatia nel metaverso. L’ultima proposta di Zuckerberg, descritta nel video, è uno smartworking super potenziato in cui le persone interagiscono attraverso avatar e in contesti del tutto digitali, quindi ovviamente personalizzabili.
Il sogno di lavorare da una spiaggia caraibica si fa realtà… virtuale.

 

 

Questa tecnologia di fatto prende ciò che esisteva sulla personalizzazione degli spazi virtuali, ad es. per le riunioni zoom ed i world café digitali, e lo fa diventare un’esperienza immersiva totale.
Di fatto riunisce tecnologie esistenti in un’unica esperienza.
Proprio ieri ho partecipato ad un incontro di Federmanager in cui venivano presentate case history interessanti sull’utilizzo della realtà aumentata anche nella formazione tecnica, così come già fanno le realtà più innovative in materia di competenze trasversali e manageriali.

Cosa c’è di diverso ora?
La componente più innovativa, e a mio avviso anche la più impattante per gli esseri umani, è l’immersione. Essere in ambienti artificiali circondati da persone artificiali.
Personalmente questa prospettiva mi dà un grande senso di libertà e al contempo accende in me domande, per prima cosa sulle relazioni.

Come potremo empatizzare con un avatar, che per quanto dettagliato e sofisticato sia difficilmente riprodurrá le microespressioni del viso, e sicuramente non la temperatura del corpo, i micro tic… come faremo ad empatizzare con un qualcosa che non prova emozioni?
Un avatar per me è un oggetto pieno di fascino, che rappresenta un essere umano. Ma è importante ricordare che non è, un essere umano.
Gli mancano due tre elementi chimici, e sarà curioso capire come far scattare la chimica con un ologramma.
Al di là delle provocazioni, credo che sia un tema da trattare urgentemente per chi vuole rendere le persone più efficaci e le relazioni più generative in un mondo digitale.

La mia proposta è: mettiamo da parte le diffidenze automatiche verso ciò che non conosciamo, e scopriamo come rendere possibile un mondo in cui i segnali deboli si creano e possono essere letti, e le relazioni si rinforzano passando per strade nuove.
Non sarà semplice, e credo che serviranno sempre, assolutamente, spazi e tempi in cui le persone siano fisicamente una vicina all’altra. Ma si può fare, e il nostro equilibrio dei tempi di vita e lavoro potrà beneficiarne enormemente.

Quindi, vale la pena buttarsi.
Che ne pensi, come ti fa sentire l’idea di un collega avatar di fianco a te? Scrivimi con le tue esperienze,
a presto,
Marcella

#zuckerberg #metaverso #digitale #empatia #relazioni #avatar #virtuale


Motivation

Errori ed onestà – come creare una cultura dell’errore

28/10/2021 • By

Si parla di sperimentazioni e quindi di errori, e in aula in questo periodo porto molto il tema dello ‘ con cui vogliamo approcciarci alla sperimentazione.

Prima delle tecniche sulla creatività, delle teorie sul feedback e delle tattiche per portare innovazione… ci vuole un mindset aperto ed elastico nello spostare l’asticella dello standard dove apre porte.

Spesso chi lavora con passione e porta risultati eccellenti pone l’asticella fissa in alto. Finché non è ottimo non esce, non lo propongo, non lo condivido. Non mi metto in condizione di sbagliare. In un mondo VUCA e digitale, veloce, distratto e in continuo cambiamento, questo atteggiamento è autodistruttivo.

Non c’è tempo perché sia perfetto.

Ma ‘̀ ́ .

Don’t worry, be crappy, ci diceva mesi fa il fantastico Guy Kawasaki, e ne ho fatto la mia filosofia di vita.

Abbracciando questo mindset leggero, oggi sono ‘.

Aspetta da tre mesi di essere perfetta, finché non mi sono ricordata che la perfezione non esiste e che tenevo molto di più a condividere e raccogliere feedback.

E quindi eccola qui, ̀. Su come passare dalla narrazione sui sistemi Fail fast ad una ‘, .

Questo per me è il primo e fondamentale passaggio per iniziare un viaggio sul tema dell’errore.

Al link è disponibile la puntata zero, in cui racconto l’obiettivo di questo podcast e come funzionerà, e la prima puntata dedicata all’onestà.

Le prossima sarà su Errori, vulnerabilità e connessione con gli altri.

Scrivetemi per curiosità, libri che avete letto sul tema e su cui vorreste confrontarvi con me e naturalmente… feedback!

Buoni errori sani a tutti*

Marcella

#mindset #innovazione #errore #fallimento #migliorare #onestà #autenticità #podcast #crescitapersonale #crescitaprofessionale #iamwave

 


Esempi reali

Cosa impariamo quando whatsapp non va?

05/10/2021 • By

No, non è il tuo smartphone. Whatsapp non andava di suo.

Facebook, Instagram e Whatsapp, praticamente buona parte della vita virtuale di milioni di persone, ieri si sono spenti.

Inutilizzabili per i miliardi di utenti, e questa è una grande occasione per quegli utenti, per fare un bilancio del proprio utilizzo di questi sistemi.
Li usi tanto, tantissimo… e ieri ti sei sentito abbandonato/a?
Li usi ma se non sono più disponibili pazienza?
Per cosa li usi?


Io mi sono resa conto del fatto che uso infinitamente whatsapp per lavorare, ad esempio. Ieri ho risolto con telefonate e con mail quando aveva senso, ma per chi predilige una comunicazione informale e veloce questo è un tema importante.
E infatti mi sono chiesta:

usi tanto whatsapp perché prediligi una comunicazione informale e veloce, o per altre ragioni (tra cui la semplice abitudine)? Mi sono risposta che lo uso principalmente per velocità.
E come puoi essere informale e veloce con altri sistemi?

Non è solo una questione di tecnologia. Sicuramente,

abbiamo bisogno di essere confidenti con diversi strumenti, in modo da adattarci a queste eventualità con scioltezza.

Abituarsi ad usare anche Telegram o altri sistemi di messaggistica aiuta.
Ma è una questione anche di percezione di scelta. Percepire che stiamo scegliendo cosa usare e quando, alla luce di una nostra scelta relazione o comunicativa.

Questa è l’occasione per chiederci come usiamo la tecnologia e come farlo meglio.


E Zuck… bentornati.

#Facebook #whatsapp #instagram #crash #abitudini #comunicazione#relazioni #crescitapersonale #empowerment


Motivation, Suggerimenti e spunti

Benessere, stress e Netflix

22/06/2021 • By

Netflix, il luogo del tempo libero più visitato in questo ultimo anno e mezzo, propone sempre di più serie legate alla meditazione. Negli ultimi giorni anche in questa versione interattiva, in cui ci chiede come ci sentiamo, se siamo sopraffatti, inquieti, tesi… per lavorar sull’ansia e per aiutare a dormire.

Perché? Perché una piattaforma di serie TV e film fa una partnership con un colosso come Headspace Inc. e propone mille offerte per migliorare il benessere psicofisico?

 

 

 

Semplicemente perché la richiesta è enorme.

Sempre di più le persone cercano bilanciamento nei tempi, respiro, riposo e cura del proprio corpo e della propria mente.

READ MORE


Esempi reali, Motivation, Tutorial

Discomfort zone – come creare buone abitudini

14/06/2021 • By
Ti capita mai di ricadere in errori già fatti, o ripetere la solita vecchia cattiva abitudine?
Ti annoia l’idea di fare le cose sempre nello stesso modo ma poi senti la pressione delle novità?
Vᴏʀʀᴇsᴛɪ ᴘʀᴇɴᴅᴇʀᴇ ᴜɴᴀ ʙᴜᴏɴᴀ ᴀʙɪᴛᴜᴅɪɴᴇ ma ti interrompi dopo un pò di tempo?
Gli esseri umani hanno bisogno di ripetere
 cose note. Di riposare in area di comfort.
Allo stesso tempo, per crescere ed evolvere sempre di più i propri modi di vivere le diverse situazioni, per vivere con più benessere ed emozioni più piacevoli,

abbiamo bisogno di novità, di freschezza, di cambiare.

Come stanno insieme queste due grandi forze?

Lo scopriamo insieme in questo webinar: Discomfort zone – la fucina delle buone abitudini
SALVA LA DATA:
️ 7 luglio
18:30
Marcella Offeddu

Registrati ora:

Discomfort zone #introduzione

 


Standard

13/03/2021 • By
Ma il coaching… cos’è?
Condivido un’intervista fatta l’anno scorso, per raccontare cos’è il coaching per me, e cos’è un coaching.

Si parla di libertà, di metodo Wave, di scelte.

E per te… cos’è il coaching?
Come può migliorare la tua vita?
Scrivimi qui sotto per due chiacchiere con me su miglioramento, consulenza, coaching ed entusiasmo!
Marcella
 
 
#wavecoaching #intervista #coach #iamwave

Suggerimenti e spunti

Quanto costa il GRATIS?

04/02/2021 • By

Ogni volta che decidi di regalare un prodotto o un servizio metti sul tavolo tre fattori: il valore percepito, la relazione, l’impegno.

Quando tutto ciò è utile e quando è dannoso?
Parliamone domani, per capire quando e cosa regalare come strategia di marketing!

Ti aspetto venerdì 5 febbraio alle 19

LIVE su FB alla pagina Marcella Offeddu IamWave

15 minuti per spunti flash da applicare subito.

Standard

Come liberare l’artista che è in te

30/01/2021 • By

Come liberare il nostro spirito artistico e creativo?

I primi spunti in questa chiacchiera informale di ieri sera!

Ti interessa e vuoi esercitarti dal vivo con me?

Venerdì 26 febbraio alle 19.00 farò un incontro dedicato

un’oretta di esercizi insieme per la creatività e il pensiero laterale!

Ti aspetto, registrati gratuitamente su iamwave, qui il link diretto!